11 settembre: come dimenticare?

11 Settembre 2012. 11 Settembre 2001. 11 anni sono passati, ma sembra ieri. Ricordo tutto alla perfezione. Sento ancora quelle emozioni struggenti pervadermi il corpo.

A quel tempo diciannovenne spensierata e sognatrice. Stupore. Incredulità. Tristezza. Desolazione. Sfiducia. Indignazione.

Oggi trentenne sempre sognatrice, ma con qualche consapevolezza in più sulla vita e su quello che vi ruota attorno. Stupore. Incredulità. Tristezza. Desolazione. Sfiducia. Indignazione. Le emozioni non cambiano.

Un evento che ha scosso il mondo intero. Un evento che ha scatenato una paura collettiva. Un evento che ha toccato tutti. Un evento che ha cambiato il nostro modo di vivere, di relazionarci, di pensare. Un evento che ha spezzato il mondo in due. Un evento che ha portato sfiducia e indignazione. Un evento che nasconde segreti e verità che trasudano follia.

Nonostante fossi a chilometri di distanza l’11 settembre ha comunque segnato la mia famiglia. Nessuna perdita fisica, ma sicuramente un grande colpo a livello psicologico-emotivo.

Paura. Il non sentirsi sicuri nella propria città. Sui mezzi pubblici. Nella propria casa. Per strada o al supermercato.

E così di li a poco ecco che ci ritroviamo in Svizzera nella convinzione profonda che fosse luogo di salvezza. Una piccola valigia con dentro l’essenziale e il resto lo si comprerà.

Un mese per risistemare le idee. Un mese per capire cosa realmente era successo. Un mese per capacitarsene e tornare in sé. Un mese che mi ha segnato perché tutto in quello in cui credevo è crollato.

Il mio capo saldo, il mio punto di riferimento e forza, non aveva retto a tale stress. Dopo un anno difficile puntellato di lutti e tristezza, l’11 settembre era davvero troppo e l’unica soluzione era scappare lontano alla ricerca della normalità. Il mio supereroe era stato schiacciato dalle emozioni, dalle paure, da una forza più grande. Compresi che mio padre in quel momento aveva bisogno di me: questa volta ero io che dovevo salvarlo.

Carpe Diem

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...