L’uomo sbagliato Erica Arosio – recensioni in breve

di Grey Panthers

Una storia d’amore, di passione e di attrazione fisica. Una storia fra due persone adulte, un uomo e una donna più che quarantenni con due famiglie alle spalle che non vogliono distruggere. Un accidentato percorso sui sentieri del cuore. Questo è L’uomo sbagliato. Un romanzo che vuole raccontare una passione travolgente. Un romanzo che vuole raccontare quello che succede quando un uomo e una donna sono attratti l’uno dall’altro in maniera così alchemica e totale da non potere in alcun modo girarsi dall’altra parte. Perché storie così capitano una volta nella vita, se sei fortunato, due se sei molto fortunato. Ma possono anche non capitare mai. Il mio libro si apre volutamente con un prologo erotico: nessun giochino sul far interrogare il lettore sul “quando” accadrà. Accadrà? A pagina cento? A pagina duecento? No, è già accaduto tutto, prima. E il libro racconta in che modo si possa fare i conti con la passione, in che modo controllarla, quanto si possa mantenere la barra dell’equilibrio  senza sbandare completamente. Ma non c’è solo l’eros, perché, come recita il titolo del prologo (verso rubato a Serge Gainsbourg e alla sua meravigliosa je t’aime moi non plus) “L’amour physique esta sans issue. Una volta che lo trovi, l’amore fisico (e non capita spesso nella vita nell’intensità con cui lo vivono i protagonisti), qualcosa accade, non puoi bloccarti in quel “vicolo cieco”. Vuoi andare più in là. Non sai quanto lasciarti andare e quanto fermarti, quanto fidarti e quanto avere paura di te e dell’altro. La storia di Francesca , architetto milanese approdata per matrimonio nell’alta borghesia, e Riccardo, spericolato (e bellissimo) uomo d’affari del sud si incammina su questi fragili percorsi. I due finiranno per farsi del male, ma scopriranno anche cose di loro stessi che ignoravano perché è così che accade nelle storie d’amore più profonde. Si arriva al cuore, all’anima e alle viscere dell’altro. Ci sono rapporti misurati, in cui volutamente si sta due passi indietro, per pudore, per rispetto, perché la quotidianità non sopporta scossoni e ci sono rapporti spudoratamente imprudenti.

Leggerlo se si hanno più di 50 anni? Certe emozioni non si spengano mai. Di recente, Erica Arosio ha intervistato per Gioia, al festival di Cannes Emmanuelle Riva, oggi 85 anni, l’attrice di Hiroshima mon amour che a Cannes ha vinto la Palma d’oro con “Amour”. Sostiene di avere incontrato una donna dolcissima, ancora con una sua bellezza intensa e aggraziata, molto femminile che le ha detto: “Non si preoccupi, il cuore non invecchia. Continua a innamorarsi come a 18 anni. Certo, il corpo fa tanta fatica a starci dietro e dopo devi rimetterti in sesto come nel post-sbronza. Ma perché rinunciare alla vita?”. E  voi? Siete d’accordo con lei?

http://www.grey-panthers.it/luomo-sbagliato/

di Emma Borgesio – playboy.it

Non vi fate ingannare dal titolo, il primo libro della giornalista Erica Arosio è tutt’altro che il classico romanzo rosa. Nonostante “L’uomo sbagliato”, così si chiama, ci racconti di una storia d’amore, di un tradimento e di una fervente passione che con il tempo si fa sempre più grande, il libro, con le sue frasi ci nasconde qualcosa di più complesso e criptico che ci verrà svelato solo negli ultimi capitoli. E i due protagonisti, Francesca e Riccardo, lei milanese doc, carriera brillante e un marito da invidia; lui tipico uomo meridionale sanguigno e sicuro di poter controllare ogni minima parte della sua vita, nonostante le loro diversità di carattere si rendono conto, dal primo sguardo, di essere legati da qualcosa di inspiegabile. Ora, noi che l’abbiamo letto non possiamo che sperare che un bravo regista, uno come Frédéric Fonteyne (l’autore del successo “Una relazione privata”) a breve lo trasformi in immagini.

http://www.playboy.it/playboy-life/libri/672/l-uomo-sbagliato/

di Pietro Cheli – Laiweb.it

Mai lasciarsi scappare un uomo sbagliato

Pochi anni fa, per alcuni mesi, ho diviso con Erica Arosio una stanza nella redazione del settimanale Gioia. E non c’era giorno che non mi sorprendesse con i suoi racconti di vita (intensamente) vissuta. Si andava dalla sera prima al ricordo vintage. Per me era un po’ come essere seduto al cinema o passeggiare in un luna park: riusciva sempre a sorprendermi. Un po’ la invidiavo, anche se non ho mai osato dirglielo. Apriva continuamente scenari come quelle pièces di prosa brillante alla Georges Feydeau in cui niente è scontato. Scusate la doverosa premessa, ma che porta nel cuore di questo romanzo, il primo che Erica ha scritto dopo averne letti (e recensiti) migliaia. Lei ama il cinema, la letteratura (di cui scrive ogni settimana) prediligendo i sentimenti e il lato noir della vita (passione che condividiamo). In queste pagine ha saputo dosare il tutto. Si intitola L’uomo sbagliato (La Tartaruga). Qui sotto vedete la copertina.

Francesca ricca donna milanese, a capo di una famiglia dove potere e soldi sono sempre stati controllati da mano femminile, incontra Riccardo, esemplare di maschio alfa testosteronico e brillante, di quelli che sarebbe meglio tenere a distanza, se non fosse che… Lui viene dal Sud, fa l’uomo d’affari, ma non è tutto chiaro nella sua vita. Più lei cerca di lasciarlo, e più si trova avvinghiata (in ogni senso). Un uomo sbagliato c’è sempre dietro l’angolo, ci racconta l’autrice. Ed evitarlo è un bene, ma non lasciarselo scappare è peggio. Perché la vita si complica, ma diventa anche più sorprendente. E ti fa scoprire cose di te che mai avresti immaginato.

http://blog.leiweb.it/recensioni-libri/2012/03/16/mai-lasciarsi-scappare-un-uomo-sbagliato/

Potrebbero interessarti:

https://valentinameschia.wordpress.com/2012/07/11/luomo-sbagliato-recensioni-in-breve/

https://valentinameschia.wordpress.com/2012/07/18/luomo-sbagliato-erica-arosio-recensione/

https://valentinameschia.wordpress.com/2012/07/20/luomo-sbagliato-erica-arosio-intervista/

https://valentinameschia.wordpress.com/2012/04/11/luomo-sbagliato-erica-arosio-valentina-meschia/

Carpe Diem

Annunci

4 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...