Fumo: epidemia femminile e pedriatica

Intervista al Dottor Roberto Boffi, pneumologo all’Istituto dei Tumori a Milano.

Buon giorno Regione – Buon giorno in salute.

“Il fumo fa più male alle donne e fa particolarmente male nell’età dello sviluppo […] smettere di fumare ha benefici immediati, non solo a lungo termine, sull’aspetto fisico, sulla resistenza agli sforzi, sulla concentrazione… Mi piace quando i ragazzi capiscono che dietro al fumo c’è anche un gioco sporco, sulla loro pelle”.

Smettere di fumare non sempre è facile, c’è chi ci riesce anche da solo e chi invece pur volendo non ce la fa. Con l’aiuto anche del proprio medico di famiglia, il tentativo potrebbe essere più semplice e dare i risultati voluti.

Inoltre gli studi dimostrano una correlazione tra un polimorfismo a livello del gene  della nicotina CHRNA5 che rende difficile smettere di fumare.

L’obiettivo è quello di riuscire tramite un semplice prelievo di sangue ad individuare le caratteristiche del soggetto potendo personalizzare la terapia.

Intervista Buon giorno in salute

Carpe Diem

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...