L’estate Milanese, quest’anno, ha avuto un gusto particolare – Valentina Meschia

MILANO – ZONA BAGGIO

L’estate Milanese, quest’anno, ha avuto un gusto particolare

Il week-end del 17-18 luglio, ha visto Baggio protagonista di due grandi iniziative, volte alla sensibilizzazione degli suoi abitanti, e non solo. Un plauso particolare va rivolto alle attivissime Associazioni

Sabato 17 luglio, l’attenzione si è volta all’ex Istituto Marchiodi Spagliardi (via Noale, 1): edificio abbandonato ormai da quasi vent’anni, occupato abusivamente più volte, e sgomberato definitivamente, mettendolo in sicurezza, il 26 maggio 2009. L’Istituto, progettato dall’architetto Vittoriano Viganò, inizialmente negli anni ‘50-’60, è stato un riformatorio minorile, per poi diventare una scuola professionale. In evidente stato di abbandono, l’edificio non può essere abbattuto, in quanto sotto vincolo architettonico dopo la campagna promossa da Sgarbi, essendo un esempio di opera brutalista, caratterizzata dall’utilizzo di cemento armato.

L’ampia area è sotto attenta opera di riqualificazione, dove il progetto Punto e Linea-Hub Baggio, inaugurato al C.A.M. Olmi, il 17 luglio, si impegna in un piano di accompagnamento alla sua riqualificazione, affiancando alla residenza per studenti prevista dal Politecnico di Milano, altri servizi utili ai cittadini, e un’area che contribuisca al “verde comunitario”. Un intervento delicato che prevederà prima una forte ristrutturazione dell’edificio e poi sua successiva modernizzazione.

L’Hub Baggio si rivolgerà direttamente ai giovani, promuovendo laboratori nelle scuole e in altre strutture, per coinvolgerli e dare loro uno strumento per esprimersi e raccontarsi, renderli partecipi degli eventi e dei problemi del loro quartiere, istituendo anche: una Radio Web dove poter trovare avvisi, musica, video e programmi gestiti proprio da loro; un Infopoint per avere tutte le informazioni su questo importante progetto che vuole poter riscattare quest’ampia zona, da troppo tempo abbandonata, che ha molto da offrire ai suoi cittadini. Nel pomeriggio, giovani band della zona (Rapper Zen, Stop Ango, Fainting Goatz), si sono esibite in prossimità dell’edificio, in un coinvolgente concerto all’aperto, dove il Ludobus ha intrattenuto bambini e famiglie, con giochi in legno davvero curiosi.

Domenica 18 luglio, il Parco delle Cave, con i suoi laghetti e fantastici colori, ha ospitato “Abbracciamo il parco”: un’iniziativa promossa dal Team Parco delle Cave, delPolitecnico di Milano, per sensibilizzare e far conoscere ai cittadini quest’oasi verde alla periferia ovest di Milano, un tempo luogo di spaccio e discarica, ma ora rinato grazie all’intensa opera di bonifica e all’impegno delle Associazioni. L’abbraccio itinerante ha attraversato diversi luoghi del parco (Cava Cabassi, Cava Aurora, zona umida), permettendo di ammirare la folta vegetazione e i numerosi animali che vi abitano (gallinelle, libellule, rane, tartarughe, anatre e anatroccoli). L’evento è stato accolto dai frequentatori del parco con grande entusiasmo e curiosità. Al termine è proseguita la raccolta firme per la metropolitana a Baggio: progetto previsto per l’Expo 2015, che vedrebbe l’allungamento della linea rossa di almeno tre fermate (Valsesia, Baggio, Olmi), ma attualmente ferma per mancanza di fondi.

Pubblicato su: Corriere del sud-ovest milanese, 13 settembre 2010

Foto: www.fotografandoemozioni.it

 di: Valentina Meschia

Valentina Meschia

Carpe Diem



Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...